Progetto Nemo

Utilizzare l'attività subacquea per far condividere momenti di sport, avventura e curiosità a ragazzi e ragazze normodotati e con disabilità

Utilizzare l'attività subacquea per far condividere momenti di sport, avventura e curiosità a ragazzi e ragazze normodotati e con disabilità, affinché lo sport possa essere uno strumento culturale, oltre che garantire una sana attività motoria.

La subacquea non è competitiva, chi ti è affianco non è un tuo avversario, ma può essere una tua risorsa, e nella condivisione dei momenti di subacquea ognuno riceve e dona aiuto, conforto ed emozioni, non solo ai ragazzi, ma anche alle famiglie e allo staff.

Il CSR si occupa della creazione di momenti aggregativi oltre agli istituzionali momenti scolastici tra ragazzi normodotati e con disabilità, tutti in campo e tutti in gioco (non esiste panchina), attiva dei processi di interazione importantissimi.  Ogni ragazzo e ragazza si interroga su chi ha vicino, ne conosce i limiti e riconosce i propri, non misurati da tempi o classifiche, ma dalla fatica per raggiungere i risultati voluti.

La crescita personale dei ragazzi come uomini e donne consapevoli di domani è il fulcro del progetto che quindi non vuole avere come destinatari solamente soggetti con disabilità.

Periodo di svolgimento

Prima fase da Ottobre a Dicembre Seconda fase da Febbraio a Marzo

Giornate e orari di svolgimento

Domenica mattina dalle 10.00 alle 11.30 . Prima fase: 6 domeniche tra Ottobre e Dicembre Seconda fase : 5 domeniche tra Marzo e Aprile)

Modalità di svolgimento delle attività

Attività individuale

Attività di gruppo

Attività già avviata / in corso

Altri soggetti proponenti

UISP Attività Subacquee

Partner istituzionali e/o privati

Negli anni abbiamo avuto contributi da Fondazione Cassa Ravenna, Comune di Ravenna, CDP Forlì.
Abbiamo collaborato con Associazione Italiana Persone Down

Soggetti destinatari

Disabilità psichiatrica

Disabilità fisica

Disabilità neuromotoria

Disabilità sensoriale

Disabilità intellettiva

Disturbi dello spettro autistico

Disabilità complesse

Fasce d’età dei soggetti coinvolti

6-14

14-18

Attività inclusiva e/o integrata

SiNo

Il gruppo è unito, gli esercizi si fanno assieme, gli istruttori parlano al gruppo e gli operatori lavorano coi ragazzi a gruppetti o singolarmente se serve.

La persona con disabilità può essere inclusa in un gruppo di pari età?

SiNo

Lo spirito del Progetto Nemo è di coinvolgere il gruppo, il percorso è il medesimo, ma ovviamente le persone con disabilità godono di una attenzione maggiore, per rendere l’interazione più omogenea

Altre Informazioni

È prevista una quota di partecipazione a carico dell’utente?

SiNo

Altre informazioni utili

La quota di partecipazione per i ragazzi normodotati è di euro 80 per la prima fase e di euro 60 per la seconda fase. Per i ragazzi/e con disabilità la partecipazione è gratuita

Operatori Impiegati

Qualifiche degli operatori coinvolti nello svolgimento delle attività
Istruttori UISP APNEA Istruttori UISP ODA Operatori UISP ODA Volontari formati
È prevista una figura competente per la valutazione della richiesta di frequenza e per fornire il sostegno allineato al bisogno rilevato?

SiNo

La persona con disabilità può godere di un percorso specifico individuale se necessario e/o richiesto?

SiNo

Assolutamente sì, anche se si tende a tenerla come ultima ratio, perché questo tende a isolare, anche se lavorando su spazi d’acqua ristretti la vicinanza con gli altri attenua la sensazione.

  • NETWORK SOCIALE

  • Perchè l'opportunità fa la differenza.
  • Contattaci
Il progetto è finanziato con Delibera 699 del 14/05/2018 emessa dalla Regione Emilia-Romagna che ha previsto l’approvazione di finanziamenti per il sostegno di progetti di rilevanza locale, promossi da organizzazioni di volontariato (ODV) o associazioni di promozione sociale (APS), in base all’Accordo di programma sottoscritto tra il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e la Regione Emilia-Romagna in data 27/12/2017, ai sensi degli articoli 72 e 73 del D.Lgs. n. 117/2017, Codice del Terzo settore. Gli obiettivi generali del bando riguardano la promozione della salute e del benessere, un’educazione di qualità, equa e inclusiva, e garantire pari opportunità.